libri

Quattro libri in cerca di lettore

Posso consigliarvi quattro libri da leggere nel prossimo mese? Quattro titoli che, in comune fra loro, hanno la data di pubblicazione, ossia il 22 marzo, una data che deve essere stata vista dagli editori come di buon auspicio.

Partiamo da un fatto realmente accaduto: il primo maggio del 1947 Evelyn McHale, una giovane impiegata, salì all’86esimo piano dell’Empire State Building e, dalla terrazza panoramica, decise di lanciarsi nel vuoto. Il suo cadavere rimase inspiegabilmente intatto e un giovane fotografo ne scattò una foto che venne pubblicata su Life Magazine. Quella fotografia e la storia di quella donna hanno ispirato Nadia Busato che ha dato vita a Non sarò mai la brava moglie di nessuno (edizioni SEM Libri) il romanzo che racconta come questa immagine abbia provocato conseguenze nella moda e nell’arte d’avanguardia.

Edizioni EDT propone per la collana Alla carta D’amore e baccalà di Alessio Romano, un romanzo che ha per protagonista la meravigliosa Lisbona: con la sua cucina, la sua cultura e il suo paesaggio la capitale del Portogallo svolge, con una certa facilità, il ruolo di Cupido fra un giovane scrittore (alter ego dell’autore) e la cameriera Beatriz. È una storia dove c’è innanzi tutto tanto amore, ma ci sono anche Fernando Pessoa, Antonio Tabucchi, il Fado e, soprattutto, i sapori della cucina portoghese perché in questo incrocio di emozioni ci sono sempre un posto a tavola e un piatto fumante a creare le atmosfere giuste.

Nella nuova uscita di marzo di NN Editori troviamo invece, al posto del cibo, la musica. Preludio a un bacio è il romanzo di Tony Laudadio (attore di teatro e cinema), una storia di rinascita che ha per protagonista un musicista. Dopo aver rinunciato a tutti gli affetti Emanuele si è ritrovato solo a suonare agli angoli delle strade, l’unico contatto umano reale che mantiene è quello con Maria, una barista che si prende cura di lui. Sarà un’aggressione improvvisa che gli farà riscoprire quella nuova luce di cui avrà bisogno per superare l’apatia e rimediare gli errori del passato.

Concludiamo con un romanzo dall’atmosfera nostalgica degli anni Ottanta: Più veloce dell’ombra di Federica Tuzi (Fandango Libri) è ambientato nella periferia bene di Torino dove la giovane Alessandra vive insieme alla mamma, aspirante Jane Fonda, e al papà che, nonostante la nebbia torinese, si guarda allo specchio e vede Magnun P.I. Alessandra, invece, è un’adolescente un po’ grassottella che gironzola per la città alla ricerca di svago fra videogiochi e cibo, incontrando persone nelle quali spera di ritrovare il nonno, mai conosciuto, e pensando a quella nonna che, ancora viva, non vede invece l’ora di morire. Troverà conforto grazie a un piacevole e inaspettato incontro, quello con un cane. Frida le insegnerà il valore di un vero legame.

Silvia Biglino

Silvia Biglino (classe 1979), laureata in Scienze della Comunicazione all’Università di Torino, da malata di storie e appassionata di romanzi acquista più libri di quanti riesca a leggere. Il suo blog “Il club dei lettori solitari” è il luogo dove ha deciso di riunire i personaggi che incontra nella meravigliosa esperienza di lettrice.

Lascia un commento

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this