Privacy Policy

Privacy Policy

Cookie Policy

https://www.iubenda.com/privacy-policy/7852079/cookie-policy

Termini e Condizioni

http://midnightmagazine.org/?page_id=785
  • Home
  • /
  • Viaggi
  • /
  • Varigotti: la meraviglia di un borgo saraceno

Varigotti: la meraviglia di un borgo saraceno

Per il nostro viaggio virtuale questa settimana rimaniamo in Liguria.
Vi parlerò, infatti, del pittoresco borgo saraceno di Varigotti, frazione di Finale ligure in provincia di Savona, Riviera di Ponente.
Accompagnerò la descrizione con alcuni scatti da me realizzati lo scorso ottobre.

varigotti borgo saraceno

Un borgo unico. Caratteristico e dallo stile inconfondibile. Antiche case mediterranee color pastello affacciate sulla sabbia a pochi metri dal mare.
Varigotti si distingue e si fa ricordare. La prima impressione, infatti, è quella di aver varcato la soglia di un paese orientale, un’incursione in un’isola greca.
E’ davvero meraviglioso passeggiare tra le piazzette colorate, le palme e gli incantevoli scorci sul mare fino ad arrivare alla spiaggia sabbiosa e fermarsi ad ammirare il blu del Mar Ligure, le colline selvagge della costa e inoltrarsi lungo il molo dedicato al regista televisivo e cinematografico Renato Castellani, nativo di Varigotti.

varigotti borgo saraceno

La storia

Scopriamo la storia di questo gioiello ligure che, al solo ammirarlo, inevitabilmente ci porta indietro nel tempo.
L’origine di Varigotti si perde nella notte dei tempi ma si sa per certo che, grazie alla conformazione ad ansa riparata dai venti, era il miglior porto naturale della riviera. Un porto fortezza, non utilizzabile a fini commerciali a causa dei sentieri troppo stretti e difficili per il transito di merci.

Varigotti era, infatti, una fortificazione bizantina con circoscrizione civile e militare propria, una base navale a sorveglianza e difesa di tutta la riviera di ponente.
L’abitato si trovava sulla parte est della collina dove, ancora oggi, sono visibili resti medievali risalenti al XV secolo ed era probabilmente costituito da una fortezza, un gruppo di edifici e uno sbarramento all’ingresso del porto.

Nel 693 il re longobardo Rotari scacciò i bizantini da tutta la riviera ligure e Varigotti, inutile per i Longobardi privi di flotta, rimase abbandonata.
Durante il successivo periodo delle scorrerie saracene, il porto abbandonato e difficilmente accessibile venne con tutta probabilità utilizzato come rifugio proprio dai Saraceni.
E l’architettura unica del borgo e della piccola frazione Cà dei Mori (arroccata su uno sperone) sono qui a testimoniarlo.

varigotti borgo saraceno

La zona del porto fu lungamente contesa da Noli e dal Marchesato del Finale e venne infine, per questo motivo, abbandonata dagli abitanti che si trasferirono a ponente dove si dedicarono alla pesca e all’agricoltura. Nacquero frazioni collinari come la caratteristica Chien e il borgo Pino, arroccate alle spalle di Varigotti.

Dal XIII secolo la sorte del borgo è legata a quella di Finale; iniziò un periodo di ampliamento e prosperità che ebbe però termine nel 1341 con la vittoria dei Genovesi.

Durante la Rivoluzione francese, Varigotti divenne poi comune autonomo, privilegio che perse nel 1869 quando venne aggregata al borgo di Final Pia, a sua volta unito a Finale Ligure nel 1927.

varigotti borgo saraceno

Turismo

Oggi Varigotti è ambita meta turistica, con una delle spiagge libere più ampie di tutta la regione (quella che si estende dalla Baia dei Saraceni al Malpasso) oltre a numerosi e attrezzati stabilimenti balneari.
E’ comodamente raggiungibile percorrendo la Strada Statale Aurelia ed è servita dagli autobus della linea TPL.
Vale davvero la pena visitare questo caratteristico gioiello ligure, unico nel suo genere, capace di trasportarvi in un’atmosfera e in un paesaggio di altre epoche e altri luoghi.

Colori pastello, mare cristallino, sabbia finissima, colline selvagge, clima temperato, baie riparate dai venti…
Credo non manchi proprio nulla per una giornata, un weekend o una vacanza indimenticabile.

Flavia, con un passato professionale da videomaker e scrittrice di narrativa, si occupa ora di Social Media Marketing e comunicazione. Viaggiare è una delle sue più grandi passioni.

Cosa ne pensi?